Publication – Eden K. McLean, « Mussolini’s Children. Race and Elementary Education in Fascist Italy », 2018.

Mussolini’s Children uses the lens of state-mandated youth culture to analyze the evolution of official racism in Fascist Italy. Between 1922 and 1940, educational institutions designed to mold the minds and bodies of Italy’s children between the ages of five and eleven undertook a mission to rejuvenate the Italian race and create a second Roman Empire. This project depended on the twin beliefs that the Italian population did indeed constitute a distinct race and that certain aspects of its moral and physical makeup could be influenced during childhood.

Eden K. McLean assembles evidence from state policies, elementary textbooks, pedagogical journals, and other educational materials to illustrate the contours of a Fascist racial ideology as it evolved over eighteen years. Her work explains how the most infamous period of Fascist racism, which began in the summer of 1938 with the publication of the “Manifesto of Race,” played a critical part in a more general and long-term Fascist racial program. 

Publication – Massimo Castoldi, « Insegnare libertà. Storie di maestri antifascisti », 2018.

Fin dall’insorgere del fascismo vi fu una parte della classe magistrale, fieramente risoluta nel proprio compito, disposta a combatterne con ogni mezzo la propaganda. Per questo tra 1921 e 1945 molte maestre e molti maestri furono costretti a lasciare l’insegnamento, conobbero il confino, caddero vittime della violenza fascista e poi, anche, di quella nazista. Nei primi anni del secolo, dalla fondazione dell’Unione magistrale nel 1900 all’istituzione del Sindacato magistrale aderente alla Confederazione generale del lavoro nel 1919, i maestri avevano acquisito sempre più consapevolezza del loro ruolo di educatori e di operatori sociali, non ritenendosi più soltanto sacerdoti laici con la missione dell’educazione nazionale. Sentivano di dover partecipare in modo attivo alla vita socio-culturale dell’Italia, nella lotta contro l’analfabetismo, nella creazione di una coscienza civica e unitaria, ma anche nello sviluppo del socialismo o del cattolicesimo popolare, che, sebbene in conflitto tra loro, si fondavano sulla medesima necessità di un’istruzione diffusa. Se il fascismo guardò alla scuola elementare come al luogo di formazione e di costruzione della coscienza del nuovo bambino soldato fedele al regime, molti maestri ne contrastarono il linguaggio e i modelli culturali, educando i bambini a principî alternativi: patriottismo, e non nazionalismo, solidarietà, fratellanza e libertà, anziché violenza, razzismo e cieca obbedienza. Le dodici storie qui raccontate rappresentano modalità differenti di opposizione alla cultura dominante, da quelle più aperte e frontali a quelle più calcolate e addirittura dissimulate. Uomini e donne, socialisti, cattolici, liberali o semplicemente patrioti, questi maestri testimoniano che la loro battaglia silenziosa fu possibile, nonostante tutto, e che è stata, ben oltre la sfida e la ribellione, una vera lezione di Resistenza civile.

Publication – Carla Ghizzoni, « Scuola e lavoro a Milano fra Unità e fascismo. Le civiche Scuole serali e festive superiori (1861-1926) » [École et travail à Milan de l’Unité au fascisme], Pensa, 2014.

Il libro ricostruisce la genesi e gli sviluppi delle Scuole serali e festive superiori del Comune di Milano. Non previste dalla legge Casati, esse furono volute dall’amministrazione ambrosiana subito dopo l’Unita al fine di provvedere alla scolarizzazione postelementare di giovani donne e uomini che, per necessità e per condizioni sociali, non continuavano gli studi finite le elementari, ma ambivano a una preparazione che consentisse loro di migliorare la posizione professionale. Apprezzate dalla città, nel corso degli anni queste Scuole specificarono la proposta formativa cercando di adeguarla alle esigenze di un mondo del lavoro in trasformazione nella Milano di fine ’800 e dei primi del ’900.

La storia di questi istituti è analizzata dalle origini fino all’avvento del fascismo, allorché modificarono l’ordinamento, prevedendo corsi analoghi a quelli del sistema scolastico governativo. La ricerca, condotta sulla base di documentazione archivistica e a stampa coeva, non si limita all’approccio istituzionale, ma fa luce sulla vita interna alle Scuole, con attenzione ai modelli educativi veicolati, agli allievi, alle materie proposte. Essa va oltre i confini locali e offre suggestioni in merito al più ampio tema dei processi di accesso all’istruzione postelementare che sfuggono ai circuiti delle scuole diurne tradizionali, su cui si è prevalentemente concentrato l’interesse degli studiosi.

Publication – « Expériences théâtrales et idéologies. Les conditions d’émergence du théâtre pour la jeunesse en Europe », revue Strenæ. Recherches sur les livres et objets culturels de l’enfance

 

Sibylle Lesourd, Introduction

Giulia De Florio, Russian theatre for children and Marshak’s Teatr dlja detej [Texte intégral]

 
 
María del Mar Rebollo Calzada et Esther Laso y León, Le « Théâtre des enfants » de Jacinto Benavente
 
 
 
Anne Helgesen et Petra Helgesen, Innocent fun – Ideological shame. Fascism in Norwegian Children’s Theatre between the two World Wars